L’Arduino Day e altri eventi da non perdere

Il mese di aprile inizia con una pioggia di eventi in Europa e in Italia. Un consiglio: non perdete di vista l’Arduino Day di Roma e le due mini maker faire di Oslo ed Edimburgo. Ma non è finita qui. Date un’occhiata al programma settimanale, scegliete il vostro evento e spargete la voce.

La settimana inizia il pomeriggio del 3 aprile con la Conferencé Arduino presso l’università di Tunisi. Online trovate anche il modulo di iscrizione all’evento.
Dove: Tunisi, Tunisia
Quando: 3 aprile

Nuovo appuntamento presso la Waag Society di Amsterdam con un workshop di Bio Printing. Metti insieme Arduino, una stampante hackerata, un po’ di cellule batteriche e il gioco è fatto.
Dove: Amsterdam, Paesi Bassi
Quando: 3 aprile

Il 4 aprile ci spostiamo a Milano per un evento targato Meet the Media Guru: ospite Geoff Mulgan, CEO del National Endowment for Science, Technology and the Arts (Nesta) inglese.
Dove: Milano, Italia
Quando: 4 aprile

Il 5 aprile a Istanbul apre la due giorni del Free Software and Linux Days, un evento-conferenza che esplora il mondo del software open source a 360°.
Dove: Istanbul, Turchia
Quando: 5-6 aprile

Tutti a Roma il 6 aprile per l’Arduino Day: l’evento prevede l’allestimento di workshop gratuiti, esposizioni, aree di prototipazione gratuita e Arduino store. Appuntamento presso il Nuovo Cinema Palazzo alle ore 11:00.
Dove: Roma, Italia
Quando: 6 aprile

Il primo appuntamento con i makers è fissato per il 6 aprile con la Oslo Mini Maker Faire. Date un’occhiata al video di presentazione e datevi appuntamento di fronte al Teknisk Museum.
Dove: Oslo, Norvegia
Quando: 6-7 aprile

Un altro evento per conoscere da vicino i makers è la Edinburgh Mini Maker Faire. Il biglietto di ingresso costa 2,5 sterline. C’è anche una lista di workshop ai quali è possibile partecipare.
Dove: Edimburgo, Scozia
Quando: 7 aprile

Un altro workshop da non perdere è quello dell’Open Radio FM lab, dove si costruirà una radio open source assemblando componenti elettronici e stampando in 3D. Nel frattempo, è aperta una call per inviare la vostra Arduino music in vista del Gwendalyn Festival. C’è tempo fino al 10 aprile.
Dove: Chiasso, Svizzera
Quando: 6-7 aprile

Tags: , , , ,

Caine’s Arcade e la creatività di chi ha 9 anni

Una scatola di cartone, per un adulto, è una scatola di cartone. Punto. Ma per un bambino di 9 anni come Caine è il mattone di partenza per costruirsi la propria sala giochi. Di fantasia ne ha tanta e il padre gli mette a disposizione una parte del suo negozio di autoricambi a Los Angeles. Lui allestisce un vero e proprio Arcade con tanto di flipper, canestri e biliardino. Tutto rigorosamente di cartone. Poi si siede sulla soglia e aspetta che passi un cliente.

Ma la sala giochi di Caine è in una parte della città dove è difficile che qualcuno passeggi a piedi. Così finisce per giocarci praticamente da solo. Fino a quando sulla porta dell’autorimessa non si presenta Nirvan Mullick. Sta cercando una maniglia di ricambio per la sua Corolla del ’96, ma prima di trovarla nota l’Arcade del bambino e chiede di fare una partita.

Continua a leggere

Tags:

La protesi low cost a base di bambù e stampa 3D

Quella dei makers sarà anche un nuova rivoluzione industriale, ma nel movimento c’è anche spazio per prodotti non strettamente convenzionali. Dopotutto, una stampante 3D può creare praticamente qualsiasi cosa. Così, a qualcuno è venuto in mente di utilizzarla per aiutare le persone che hanno perduto una gamba e vivono in paesi in via di sviluppo. Si chiama Low Cost Prosthesis (LCP) ed è un progetto che punta a migliorare la qualità della vita con appena 40 euro.

Dietro all’iniziativa ci sono l’istituto olandese di tecnologia sostenibile Waag Society ed il Fab Lab HONF di Giacarta, Indonesia. Tutto è iniziato nel 2011 quando lo spazio dedicato ai makers indonesiani prende vitao e dedice di imbarcarsi nel progetto ambizioso di costruire la protesi di una gamba. In quello stesso anno iniziano le prime sperimentazioni con materiali a basso costo facilmente reperibili sul posto.

carrou_03

Continua a leggere

Tags: , ,

3Doodler: la penna per makers trionfa su Kickstarter

Esiste una penna che disegna le idee dei makers, ma non è fatta per scrivere su di un semplice foglio bianco. A essere precisi, si può utilizzare ovunque, perché serve a creare oggetti in 3D. Si chiama 3Doodler e ha appena chiuso con successo la sua campagna di crowdfunding su Kickstarter. E in poco più di un mese sono stati raccolti ben 2,3 milioni di dollari.

Un grande successo per WobbleWorks, la piccola startup di Boston fondata da Peter Dilworth e Maxwell Bogue. I due makers – che nella vita vogliono produrre robot e giocattoli – hanno creato una penna capace di emulare le stampanti 3D. L’idea ha fatto breccia sul web e la 3Doodler, che sembra un piccolo saldatore da 200 grammi, diventerà realtà.

Continua a leggere

Tags:

Il making of della Call for Makers: come fare una foto DIY

La Call for Makers la conosciamo già: tutti i makers d’Europa possono presentare progetti e idee entro il 2 giugno 2013 e partecipare gratuitamente alla Maker Faire di Roma. Però, in pochi conoscono tutta la storia della foto, quella con la mano che regge la calamita che attira lo sciame di oggetti.

La prima cosa da sapere è che tutto quello che vedete in quell’immagine è reale, non postprodotto. La seconda, è che dietro a questa storia ci sono Giorgio Olivero, co-fondatore di ToDo, e una squadra di tre creativi che si è messa in gioco. Abbiamo chiesto proprio a Giorgio di raccontarci come hanno “fatto” la foto in pieno spirito Makers.

Giorgio, inizia tutto con una telefonata? Esatto, era la sera del 2 gennaio. Gli organizzatori di Maker Faire Rome ci fanno sapere che vogliono noi per realizzare la campagna per la prima Maker Faire europea. Sanno che conosciamo bene il mondo Makers e che siamo quelli dietro il restyling di Arduino. E così, inizio subito a a buttare giù un po’ di parole chiave per lavorare al brief:

Continua a leggere

Tags: