Cinque progetti da tenere d’occhio su Kickstarter

I makers che puntano sull’open source non possono fare a meno di aprirsi anche verso il crowdfunding. Trasparenza, dichiarazioni di intenti e voglia di fare rete intorno ad un progetto sono gli stimoli che portano i fabbricatori digitali a rivolgersi a piattaforme come Kickstarter. Raccogliere i fondi necessari e trasformare le idee in oggetti concreti sono solo i primi passi di un lungo processo di making. Se volete seguire qualche storia interessante, date un’occhiata a questi cinque progetti. (continua…)

Tags:

La pistola stampata in 3D ora è anche low cost

lulz liberator IT
Le stampanti 3D possono protesi, ma anche armi da fuoco. Prima o poi doveva succedere, ed è successo: un gruppo di giovani texani ha progettato Liberator, una pistola in plastica capace di sparare proiettili da 7,62 millimentri. Nonostante avessero una licenza per fabbricare armi, il Dipartimento di Stato americano è intervenuto bloccando i file CAD distribuiti online. Chiunque avrebbe potuto scaricarli – in qualsiasi parte del mondo – e costruirsi un’arma funzionante.

A dire il vero, l’unica difficoltà nello stampare Liberator era rappresentata dal fatto che la pistola fosse uscita da una stampante 3D industriale da circa 8000 dollari (una Stratasys Dimension SST). Gli appassionati d’armi e stampa 3D si sono dati da fare e hanno superato anche questo scoglio, mettendo in circolazione un nuovo modello: Lulz Liberator. Come spiega Forbes, un ingegnere del Wisconsin ha ideato un nuovo modello da 25 dollari stampato con una macchina da 1800 dollari, un modello quasi alla portata di tutti.

(continua…)

Tags: ,

I makers vanno nello spazio (e non solo per stampare pizze)

Made in Space CTO Jason Dunn displays a 3D Printing Test Experiment.La nuova rivoluzione industriale forse non si farà su questa Terra. Niente di catastrofico, semplicemente Made in Space ha dato la notizia che in molti si aspettavano da tempo: una delle sue stampanti 3D sarà inviata a bordo della Stazione spaziale internazionale (ISS) nel 2014. In poche parole, la stampante prodotta dalla startup californiana sarà la prima macchina a stampare oggetti in completa assenza di gravità.

L’utilizzo delle stampanti 3D nello spazio rappresenta un campo di studio preso in seria considerazione dalla NASA, soprattutto per quanto riguarda i viaggi verso Marte. Come racconta il Washington Post, l’agenzia spaziale statunitense ha finanziato con 125mila dollari il progetto di una macchina capace di stampare del cibo partendo da ingredienti separati. In una delle ipotesi più semplici, gli estrusori della stampante potrebbero deporre uno sopra l’altro strati di pasta, salsa di pomodoro e proteine. Insomma, una pizza spaziale.

(continua…)

Tags:

Fairphone, il primo smartphone a impatto sostenibile

FairphoneI makers sanno costruire di tutto, ma a volte si spingono oltre. Dopo tutto, la nuova rivoluzione industriale cerca di cambiare il modo in cui produciamo (quasi) tutto. Ecco perché il fatto che esista un open smartphone sostenibile non stupisce affatto. Si chiama Fairphone, e diventerà realtà grazie all’aiuto di 5000 sostenitori. A pochi giorni dalla scadenza del 13 giugno, sono più di 5200 le persone che hanno accettato di investire 320 euro a testa per riceverne uno.

Il nuovo Fairphone ha un schermo da 4.3 pollici, processore quad core, Android OS rootable, dual SIM e due fotocamere da 8 e 1.3 megapixel. Se siete curiosi di saperne di più, trovate maggiori dettagli sul sito. Ma a renderlo un telefono diverso non sono le specifiche tecniche. Piuttosto, a rendere unico questo smartphone è l’idea di progettarlo in modo completamente differente dal solito. (continua…)