Home / italian / Come costruire una fattoria con Open Source Ecology

Come costruire una fattoria con Open Source Ecology

I makers non hanno a che fare solo con l’elettronica, questo lo sappiamo. C’è chi costruisce robot e chi, invece, si dedica ai trattori. Non c’è niente di strano: il lavoro in fattoria può avere una radice tecnologica di tutto rispetto. La dimostrazione più azzeccata arriva da Open Source Ecology (OSE), il progetto ideato da Marcin Jakubowski, un fisico nato in Polonia e trasferitosi ancora bambino negli Stati Uniti.

Jakubowski si è lasciato alle spalle la ricerca per trasferirsi in campagna e curare la propria fattoria, ma con un occhio di riguardo per l’open source e la condivisione delle idee. Il punto è questo: se ti serve un trattore non è detto che tu lo debba per forza comprare. Lo puoi costruire con le tue stesse mani. Facile a dirsi, ma tutt’altro che impossibile. Per farcela basta qualche consiglio azzeccato.

In questo caso, OSE è il miglior posto dove cercare idee, progetti e soluzioni per realizzare 50 delle macchine e attrezzature indispensabili per la civiltà umana. Nella lista trovate di tutto: aratro, seminatrice e generatore eolico, e ci sono anche il forno per fare il pane e la stampante 3D. Sul sito trovate una wiki che raccoglie tutte le informazioni sui progetti sviluppati finora.

Come in tutte le vere fattorie, neppure a OSE si batte la fiacca. Nel report sul primo anno di attività del progetto trovate tutti gli otto prototipi costruiti nel 2012. Mettersi alla guida di un trattore open source o lavorare con una sega circolare disegnata da voi in ogni minimo dettaglio sono sensazioni davvero inconsuete. Ma dietro all’idea di Jakubowski non c’è solo la progettazione fine a se stessa.

OSE è una sintesi dello scibile tecnico per dare vita ad una civiltà sostenibile, una conoscenza indispensabile raccolta nella manciata di Gigabyte di un DVD. Può essere utile a chiunque, dal cittadino americano che decide di trasferirsi in campagna fino al contadino del Mali che vuole nuovi strumenti a prezzi accessibili. La creatività è la chiave e il miglior modo per alimentarla, dice Jakubowski, è metterla all’opera.

Ci siamo concentrati sull’hardware perché può cambiare la vita delle persone in modo tangibile. Se riusciamo ad abbassare le barriere che ci dividono dall’agricoltura, la costruzione di case e attrezzi, allora libereremo una quantità immensa di potenziale umano.

Leave a Reply

Lascia un tuo commento

  • (will not be published)