Home / Incontra i Makers / Caine’s Arcade e la sala giochi da 1 milione di dollari

Caine’s Arcade e la sala giochi da 1 milione di dollari

La storia di Caine l’avevamo già raccontata un paio di settimana fa. A nove anni, il giovane maker costruisce una sala giochi di cartone nell’autorimessa del padre a Los Angeles. Un regista entra per caso dalla porta e decide di raccontare la sua storia su YouTube. Il video esplode come fenomeno virale con quasi 3,7 milioni di visualizzazioni, e Caine diventa una star. Ma più che un’occasione per stravolgere la sua vita, Caine’s Arcade diventa un trampolino di lancio per dare una mano agli altri bambini.

 

La creatività innescata dalla fantasia di Caine è contagiosa per natura. Basta poco per cambiare la vita anche ad altri giovanissimi creativi (al Caine’s Arcade un biglietto da 500 turni costa 2 dollari) e convincerli che possono provare a realizzare i propri sogni. Dall’esperienza di Los Angeles è nata l’Imagination Foundation, il cui scopo è aiutare l’immaginazione a crescere nelle scuole e nelle case di tutto il mondo.

Può sembrare un obiettivo troppo astratto, ma tra il dire e il fare in questo caso c’è di mezzo solo una manciata di voti. Il progetto Caine’s Arcade è in gara a My LA 2050, un contest nato per identificare le dieci migliori idee per dare un futuro migliore alla città di Los Angeles. In palio ci sono altrettanti premi da 100.000 dollari per realizzarle nell’immediato.

Nel caso di Caine, l’idea creativa consiste in un percorso dedicato a 10.000 studenti delle scuole di LA, che a settembre 2013 parteciperanno al Caine’s Arcade Challenge. Le regole sono semplici: costruisci in classe la tua sala giochi di cartone e la condividi con tutti il 5 ottobre, in occasione del Global Cardboard Challenge che si terrà in tutto il mondo. Tutto l’incasso ottenuto dalla giornata verrà impiegato dai singoli istituti scolastici per finanziare nuovi progetti creativi. È un percorso virtuoso che si auto-alimenta.

Caine’s Arcade è già al primo posto della top 10 dei progetti in gara a MY LA2050, e le votazioni scadono il 17 aprile. Chiunque può dare il proprio voto online e sostenere il progetto a distanza. Per i più attivi, c’è anche la possibilità di portare il Global Cardboard Challenge nella propria città. A volte qualche pezzo di cartone può davvero cambiare le cose. L’importante è metterci l’energia giusta.

 

Leave a Reply

Lascia un tuo commento

  • (will not be published)