Home / Eventi / Tre eventi chiave per Roma hub dell’innovazione

Tre eventi chiave per Roma hub dell’innovazione

C’è un filo conduttore che può dare l’energia giusta a Roma e farla diventare la capitale dell’innovazione italiana. È un filo, per nulla astratto, che collega tre eventi: Rome Cup 2013, l’iniziativa che presenta l’eccellenza della robotica; Codemotion, il grande evento per hacker, programmatori e divoratori di codice in corso dal 20 al 23 marzo; e Maker Faire Rome (MFR), la prima edizione europea della fiera dei Makers che si terrà in città il 3-6 ottobre.

Cosa scorra dentro quel filo lo spiega Mondo Digitale nell’intervista a Stefano Venditti, presidente di Asset Camera, l’azienda speciale della Camera di Commercio di Roma che supporta il trio di eventi. “Asset Camera attraverso il progetto World Wide Rome”, dice Venditti, “punta alla valorizzazione e diffusione di tutte quelle iniziative che possono generare innovazione del sistema imprenditoriale romano e della sua area metropolitana”.

Uno dei modi migliori per rinnovare l’ecosistema italiano è quello di farlo dialogare con l’estero. A questo proposito, il 21 marzo ha avuto inizio il “Rome Maker Faire Tour 2013”. Missione: attraversare in camper l’Europa, scovare i migliori talenti makers e portarli in Italia per la Maker Faire Rome di ottobre. L’idea è quella di identificare nuove invenzioni (fatte di atomi e non solo di bit) e promuoverle attraverso la partecipazione gratuita alla MFR.

La ricerca dell’innovazione, tuttavia, non finisce qui. Prima dell’inizio del tour europeo, Maker Faire Rome ha aperto una Call for Makers per tutti gli inventori che vogliono presentare i loro progetti folli e visionari. I migliori saranno ospitati a Roma e c’è tempo fino al 2 giugno per farsi avanti.

“Abbiamo di fronte a noi una sfida che non possiamo declinare”, prosegue Venditti, “costruire le migliori condizioni perché l’innovazione diventi un plus della città di Roma e della sua economia”. Le aspettative sono buone: secondo i primi dati diffusi da StartupItalia!, Roma è la prima città italiana per numero di startup censite. Ora non resta che trasformare i bit in atomi.

Leave a Reply

Lascia un tuo commento

  • (will not be published)